Nota biografica

Wilma Minoggio, laureata in Pedagogia curativa all’Università di Friburgo, è responsabile del coordinamento e dello sviluppo istituzionale della formazione della Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana SUPSI. Ha rivestito il ruolo di Direttrice del Dipartimento lavoro sociale della SUPSI e dal 2003 al 2015 quello di membro di Direzione dell’Università assumendo il ruolo di Direttrice del Dipartimento scienze aziendali e sociali (DSAS), occupandosi della strategia, dell’organizzazione e della gestione del Dipartimento per i settori dell’economia aziendale e del lavoro sociale, con mandato di formazione, ricerca e servizi.

Wilma Minoggio ha maturato una lunga esperienza nell’ambito della formazione quale Chargé de cours presso l’Università di Friburgo, docente di pedagogia e di laboratorio professionale alla Scuola Magistrale di Locarno e successivamente è stata nominata professore all’interno del corso di laurea in lavoro sociale della SUPSI per insegnamento nei campi dell’Intervento nel lavoro sociale, Metodi e strumenti di indagine, Disabilità e integrazione. Ha congiunto regolarmente attività formativa e attività di ricerca, realizzando vari progetti del Fondo nazionale svizzero FNS, della Commissione per la tecnologia e l'innovazione CTI, mandati di ricerca su scala cantonale e nazionale e, nel 2014, la pubblicazione «Panorama» sullo stato dell’arte della ricerca in ambito sociale in Svizzera.

Presidentessa dell’Associazione FODEI-CH (sostegno allo sviluppo globale del bambino nelle zone più disagiate della Bolivia), dal 2006 al 2013 è stata membro del comitato FOSIT (Federazione delle ONG della Svizzera Italiana), dal 2012 è membro della Commissione federale di statistica e dal 2015 è Membro del Consiglio di amministrazione dell’Accademia Teatro Dimitri.

Dal 2016 Wilma Minoggio è membro del Consiglio svizzero della scienza.


Indirizzo
Scuola Universitaria Professionale della Svizzera italiana
Prof. Wilma Minoggio
Direzione SUPSI
CH-6928 Manno

Tel. +41 58 666 61 15
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.